×

Attenzione

Direttiva EU e-Privacy

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti per il suo normale funzionamento, per elaborazioni statistiche e controllo di qualità, e per fornire le funzionalità di condivisione facoltativa sui social network. Si rende noto che se usi le funzioni che interagiscono con i social network, questi potrebbero tracciare la tua navigazione con i loro cookies. Per avere maggiori informazioni su tutti i cookie utilizzati e su come disabilitarli leggi l’informativa.

Visualizza l'informativa sulla privacy

Hai rifiutato l'utilizzo dei cookie. Questa decisione può essere annullata.

W-SHIELD

W-SHIELD intende sviluppare materiali schermanti per radiazioni ionizzanti, innovativi, che siano altamente rilevanti su due fronti:

  • da un lato, siano importanti per applicazioni nel settore aerospazio sia per la protezione dei sistemi biologici, sia per la tipologia dei processi di manifattura avanzata compatibili con la microgravità;
  • dall’altro, siano immediatamente utilizzabili in ambito clinico per ottimizzare gli acceleratori di particelle per radioterapia già in commercio e/o modelli di nuova generazione.

Il razionale del progetto prevede lo sviluppo di dispositivi di protezione in ambienti operativi attraverso supporti schermanti che siano flessibili, indossabili, conformabili, lavorabili, modulabili e – naturalmente – in grado di attenuare la radiazione almeno quanto gli attuali sistemi in uso.

Le attività includono la progettazione, realizzazione e caratterizzazione di strutture composite a matrice polimerica caricate con diverse percentuali di polvere di tungsteno. Per tale obiettivo si impiega la stampa 3D, in particolare fused deposition modeling (FDM), che consente di produrre dispositivi con geometria complessa ed ottimizzata in base alle specifiche di progetto. Le soluzioni tecnologiche che verranno sviluppate saranno validate mediante sperimentazioni in vitro (saggi cellulari) e in vivo (modello animale). Inoltre, si produrranno schermi protettivi direttamente impiegabili su nuovi apparati radioterapici, al fine di promuovere una reale ricaduta dei prodotti di ricerca.

(Sovvenzione 311.584 euro - Spesa 436.142,40 euro).

Partner e referenti tecnici del progetto:

SIT

SIT

G. Felici

CRYOLAB

CRYOLAB

M. Pitaro, N. Croce

HYPATIA

HYPATIA

C. Del Gaudio

ENEA

ENEA

A. Rinaldi


Stampa